Sono diventati portatori e promotori di cultura 21 studenti della classe 5ª B (corso di grafica pubblicitaria) dell’Istituto professionale “Versari -Macrelli ”, applauditi di recente a Bologna, durante la presentazione del progetto “Se avrò vita non dipingerò che gli occhi”, ideato e coordinato dalla cooperativa “Cont roven to” per la Pinacoteca comunale di Cesena. Questo percorso d’e ccellenza, presentato alla città nel maggio scorso, con una mostra allestita all’ex-pescheria, è stato illustrato la scorsa settimana, in occasione della seconda edizione del bando regionale “Io amo i beni culturali”. La collezione di stampe del cesenate Gino Barbieri (1885-1917) è stata vista con gli occhi dei ragazzi, divenuti promotori delle sue opere. In che modo? Sperimentando con creatività e taglio personale le potenzialità comunicative e progettuali della grafica originale, integrandole con le nuove tecnologie digitali nel campo della comunicazione pubblicitaria. Come racconta Paola Barbieri, di “Controvento”, la finalità del progetto è duplice: «Far conoscere il più autorevole rappresentante della tradizione xilografica romagnola e, attraverso la sua opera in parte custodita nei depositi della Pinacoteca comunale di Cesena, avvicinare i ragazzi ad un patrimonio di immagini, conoscenze e abilità manuali, storicamente radicate nel territorio. Gli occhi sono uno dei temi più cari a Barbieri e dalla sua frase deriva il titolo dell’iniziativa: un modo per far emergere lo sguardo degli studenti verso un autore e le sue opere xilografiche nel contesto dell’Italia a cavallo tra due secoli in una prospettiva di dialogo e scambio generazionale». In questa stessa ottica è stato concepito il percorso legato alla xilografia, la più antica tecnica grafica nata nel ’400, passando poi da Durer, Holbein, Munch, Cezanne e Picasso e magistralmente utilizzata da Barbieri fino a giungere agli artisti contemporanei. E’ stato coinvolto un partner d’eccellenza: il Centro internazionale di grafica originale “Opificio della Rosa” di Montefiore Conca, in particolare il suo direttore Umberto Giovannini

Pier Stella
Sull'autore

Tutto ciò che dovete sapere su di me, probabilmente, l'ho già scritto. Mi occupo di politica, di cronaca e di eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *