Se l’è cavata con un graffio il punkabbestia che ha denunciato di essere stato aggredito sabato notte in via Sigismondo. Lui sostiene di non conoscere l’assalitore e gli investigatori della Squadra mobile ritengono possa trattarsi di uno screzio legato allo spaccio di stupefacenti. Resta invece in carcere il 35enne riminese arrestato con l’accusa di tentato omicidio per aver accoltellato un cittadino polacco dopo una lite scoppiata in via Gambalunga. Sostiene di poter portare due testimoni in sua difesa, nel frattempo davanti al giudice si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Marco Andreoli
Sull'autore

Ex capo redattore di una nota testata editoriale in Romagna. Mi occupo prevalentemente di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *