Si parte per conservare la 1ª Categoria ma sotto sotto si spera in qualcosa di più. Rispetto a quella che l’anno scorso si è salvata solo nelle ultime giornate, la nuova Fratta si presenta, infatti, decisamente rinforzata, grazie all’inserimento di diversi giocatori provenienti dai campionati di Promozione e di Eccellenza. «Il mercato è stato condotto nell’ottica di un rinnovamento finalizzato ad un nuovo progetto triennale, che ha come base fondamentale la riconferma dell’allenatore Matteo Leucci e dell’intero staff tecnico, composto dal vice Bravi e dai preparatori dei portieri Saragoni e Balzani – spiega il direttore sportivo Andrea Fiumi – a nostro avviso, il lavoro svolto nell’ultima stagione è stato importante, per questo abbiamo deciso di ripartire da lì, aggiungendo un mix di elementi giovani e di esperienza, per lo più da categorie superiori, che confidiamo ci diano garanzie sia in termini di risultati sia di prospettive future». Il reparto su cui si è intervenuti più massicciamente è il centrocampo, dove, accanto ai confermati Bevoni, Briganti e Zoli, sono arrivati ragazzi interessanti come Caselli (Romagna Centro) e Gabelli (Meldola), veterani quali Callisti (Forlimpopoli) e Gradassi (Ronco), più Sambou, di ritorno dall’esperienza a Forlimpopoli. In difesa, i rinforzi sono Bertaccini e Petrini, entrambi da Forlimpopoli, che si vanno ad aggiungere al blocco della passata stagione, formato da Brighi, Giacomuzzi, Tassani e Ulivi, mentre davanti l’unico acquisto è Nicolò Gori. D’altronde, in attacco, la società aveva già compiuto investimenti importanti nello scorso mercato invernale, con gli innesti di Ronchi e Dalpozzo, due pezzi da novanta, entrambi rimasti. Considerato che le altre due punte sono Ferro e Farolfi, la potenza di fuoco della Fratta, sulla carta, è di tutto rispetto. Un’altra garanzia, infine, in porta, con la conferma di Ballestri, che in carriera ha vestito anche la maglia del Forlì, in C2. «L’obiettivo principale è la salvezza, possibilmente meno sofferta di quella della scorso anno, poi tutto ciò che verrà in più sarà sicuramente ben accetto. Siamo attesi, però, da un campionato molto competitivo: l’inserimento dei play-off lo renderà ancor più equilibrato e sicuramente la quota per conservare la categoria si alzerà sensibilmente».

Alberto Grossi
Sull'autore

Giornalista sportivo dal febbraio 1999. Ho maturato diverse collaborazioni nel capo editoriale. Curo interamente la sezione di sport di Outnews.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *