Nuovo blitz della Forestale per la tutela delle riserve ittiche all’interno delle aree umide. Dopo i sei pescatori di frodo sanzionati la scorsa settimana alla pialassa del Pontazzo, gli uomini coordinati dal comandante hanno esteso i controlli nella porzione ravennate delle Valli di Comacchio ritrovando oltre 90 reti da pesca – per un totale di otto chilometri di lunghezza – che presentavano maglie troppo strette rispetto alla misura consentita. L’attività di pesca, inoltre, veniva svolta con l’ausilio di imbarcazioni a motore, a loro volta sequestrate dal momento che non è consentito nella valle l’impiego di mezzi nautici alimentati con motori a scoppio. Sette complessivamente le persone sanzionate per un importo complessivo di 2.850 euro. Soddisfazione per l’esito dell’intervento, effettuato congiuntamente alla Guardia di finanza, è stato espresso dal comandante provinciale del Corpo forestale dello Stato che ha rimarcato come il servizio ispettivo disposto sia stato improntato alla salvaguardia della riserva ittica della valle che rappresenta un’area protetta particolarmente sensibile e di conseguenza vulnerabile». Inclusa all’interno del Parco del Delta del Po e tutelato d al l ’Unione europea, il sito costituisce una risorsa rilevante sia per l’importanza dell’habitat acquatico che per la protezione delle specie che lo popolano.

Marco Andreoli
Sull'autore

Ex capo redattore di una nota testata editoriale in Romagna. Mi occupo prevalentemente di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *