Un lavoro delicato, voluto da un committente di prestigio: la sinagoga di Pisa. La ditta artigianale “Restauro Cesena ” di Martorano, pochi giorni fa, ha terminato e consegnato a Pisa ventina di lampadari di grande valore artistico che rappresentano la fonte di illuminazione della sinagoga di Pisa. Per il ripristino il committente si è rivolto alla ditta cesenate che ne ll ’arco di un paio di mesi ha ripulito a mano tutti i pezzi e rifatto l’i mpianto elettrico. I lampadari sono stati consegnati a Pisa direttamente dai titolari, Luca e Claudio Bazzocchi. «Si è trattato di un lavoro certosino – spiega il 39enne Bazzocchi – che ci ha riempito di orgoglio in quanto si tratta di un restauro importante dal punto di vista storico. I lampadari illuminavano tramite candele e solo in un secondo tempo sono stati adattati alla luce elettrica. Sono in bronzo e ogni pezzo è stato ripulito da una spessa patina nera costituita da fumo e polvere». Il committente aveva consegnato i pezzi nel mese di settembre chiedendo di terminare il ripristino entro novembre. Scadenza che la ditta cesenate ha rispettato pur portando avanti i lavori di routine. La restauro Cesena è a conduzione familiare e il fondatore è il padre di Luca e Claudio, Romano Bazzocchi. La sinagoga di Pisa, originaria del XV secolo, era stata sottoposta ad un primo rifacimento nel 1785. I lampadari risalgono al XIX secolo.

Pier Stella
Sull'autore

Tutto ciò che dovete sapere su di me, probabilmente, l'ho già scritto. Mi occupo di politica, di cronaca e di eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *