Per ora guardare oltre a questo è impossibile. Quella tra Forlì e Imola è una sfida da prendere e vivere di per sé, isolandola dal contesto, da vincere a tutti i costi sia per gli uni che per gli altri per una questione di orgoglio. Orgoglio proprio e dei tifosi. Numeri in ritardo. Se questo è l’orizzonte, allora per il Credito di Romagna il derby assomiglia un po’ a un’estrazione del Lotto nella quale per vincere si può puntare sui classici “numeri ritardatari”. Quelli che sulla ruota forlivese non escono da tanto, troppo tempo e che dovessero ricomparire sulle statistiche darebbero amplissime possibilità di vittoria, quanto meno nella sfida contro l’Aget. Anche dalla volontà di cancellare questi estenuanti ritardi i biancorossi devono trovare le motivazioni. Vittorie e attacco. Il ritardo più consistente, è ovvio, è quello dal successo. Forlì non vince dal 26 gennaio, ossia dalla gara con Jesi, ma anche l’attacco latita. Ultima gara con 70 punti a referto? Risale all’1 febbraio a Trento e se a farne 70 domenica non dovesse bastare. Ci sono poi le lunghe attese dei giocatori di Massimo Galli. A partire da Nicolò Basile la cui ultima doppia cifra risale al 15 dicembre (con Ferentino), ma che addirittura non segna un canestro da due punti dal match con Napoli del 12 gennaio. Giacomo Eliantonio, acquistato anche per la fama di lungo dalla tripla facile, non solo ne ha realizzate appena 7 con il 16%, ma non ne imbuca una dalla trasferta di Trapani del 19 gennaio. C’è poi Luigi Sergio nella cui urna dei tiri liberi la presenza in lunetta è sì uscita, ma appena una volta nelle ultime 8 partite e Nicholas Crow che non va almeno a quota 15 punti dall’1 febbraio a Trento. Infine il “b arom etr o” L oren zo Saccaggi ha prodotto 20 punti per l’ultima volta a Trapani il 19 gennaio e alla voce canestri da tre è fermo a uno negli ultimi 4 incontri su 14 conclusioni complessive. Insomma, se queste astinenze termineranno, questo derby Forlì potrà farlo, ma soprattutto potrà provare a ripartire. Biglietti e poster. Intanto la società comunica che da questa mattina sono in vendita al chiosco di corso della Repubblica i biglietti di gradinata non numerata per il derby. I tagliandi, al prezzo di 12 euro (8 euro i ridotti 12-18 anni) saranno disponibili fino alle 15.30 di domenica.

Alberto Grossi
Sull'autore

Giornalista sportivo dal febbraio 1999. Ho maturato diverse collaborazioni nel capo editoriale. Curo interamente la sezione di sport di Outnews.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *