Movida sì, ma col “silenziatore”: da questa estate, infatti, per gli stabilimenti balneari saranno obbligatori i fonometri. I bagnini scuotono il capo: «Non ci piace, ma se il sacrificio è contenuto ci adeguiamo». Eccole dunque le novità per la prossima stagione balneare: entro la prossima settimana, ha annunciato il sindaco Fabrizio Matteucci, verrà infatti firmata l’ordinanza che darà il via ufficiale alla stagione. E per i bagnini saranno gioie e dolori. Attenzione ai trasporti; il sindaco punta a portare più gente possibile in spiaggia: «Da potenziare i treni sulla tratta Bologna-Ravenna-Rimini». Le gioie. Due i cambiamenti ben visti dagli stabilimenti balneari: da una parte il superamento del divieto di accesso ai pullman al viale delle Nazioni a Marina di Ravenna; dall’altro, le deroghe degli orari per le partite dell’Italia ai Mondiali. «Superato il problema logistico di come far arrivare i turisti a Marina, ora però c’è da trovare il modo di attrarli sulle nostre spiagge – ammette Riccardo Santoni, direttore della Cooperativa spiagge Ravenna -. Non solo Marina, ma tutte le nostre località devono trovare un target di clientela che intercetti maggior numero possibile di turisti, dopodiché che arrivino Una festa in spiaggia pure i pullman». I dolori. Lo ha annunciato ancora una volta il sindaco, ieri mattina al termine del secondo incontro con il tavolo delle imprese sul turismo: nell’ordinanza che verrà firmata la prossima settimana, sarà introdotto l’obbligo dei fonometri per i bagni che fanno le feste da ballo. «E’ un di più e di certo un costo: in questo momento di crisi, non è che la novità sia stata subito digerita – mette le mani avanti Santoni -, ma abbiamo trovato un sistema fonometrico che dà risposte interessanti pure a costi contenuti . Se passa la nostra proposta, a quel punto faremo questo ulteriore sacrificio». Si tratta di semplici apparecchi che vengono messi sui pali lungo la linea elettrica, e dialogano con la rete internet, trasmettendo i valori dei livelli sonori: per ogni stabilimento si tratterebbe di una spesa di 6-700 euro. «Abbiamo provato nei mesi scorsi a scongiurare la cosa, ma ci rendiamo conto che è necessario garantire serenità anche nei rapporti coi cittadini, per cui vediamo di venirci incontro», sorride Santoni. Le modifiche al piano dell’Arenile. Si è dovuto attendere il chiarimento dei ministeri romani sulle nuove norme nazionali prima di licenziare l’ordinanza, spiega il sindaco, ma il tempo è valso anche a studiare le proposte di modifica al piano dell ’ Arenilepresentate dalla Cooperativa delle spiagge. E, in linea di massima, i bagnini possono contare sul bene placet di Palazzo Merlato.

Marco Andreoli
Sull'autore

Ex capo redattore di una nota testata editoriale in Romagna. Mi occupo prevalentemente di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *