Primo viaggio della stagione, prima vittoria da cercare lontano dal Ruggi per la Npc che parte favorita alla palla a due delle ore 18 alla palestra Alutto, casa della Salus che all’esordio ha perso a Faenza. Un ko che è nell’ordine delle cose per chi si deve salvare, discorso opposto vale invece per la Npc che vincendo la prima con Rubiera ha subito fatto capire che, anche quest’anno, chi vorrà vincere dovrà giocarsela con i gialloneri. «Dovremo cercare di ripetere i primi due quarti della gara d’esordio – ammette coach Massimo Solaroli – quando, al di là delle percentuali di tiro elevate, è stata la difesa e l’intensità che abbiamo messo a fare la differenza. Se riusciremo ad essere questi anche oggi potremo vincere una gara comunque non semplice, visto che quando giochi in casa per la prima volta vuoi subito lasciare il segno». Nella Salus il pericolo numero uno è Albertini, pivot inseguito per la prima parte del mercato dalla Npc: la sua pericolosità anche dal perimetro unita ai centimetri dell’ex Castelfranco, Saccà sono le principali armi dei bolognesi. «Dovremo alzare il ritmo, sulla carta partiamo favoriti e dobbiamo cercare di confermare il pronostico. Speriamo di avere la stessa distribuzione di punti che abbiamo avuto con Rubiera: possiamo essere questi ed avere diversi punti di riferimento in attacco e dovrà essere così anche oggi».

Alberto Grossi
Sull'autore

Giornalista sportivo dal febbraio 1999. Ho maturato diverse collaborazioni nel capo editoriale. Curo interamente la sezione di sport di Outnews.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *