Per il Verucchio l’inizio di questa stagione non è stato dei migliori, con solo una vittoria nei primi cinque turni. Il sesto ha però regalato alla formazione di Cinquetti un’importante vittoria interna per 4-1 ai danni del Misano. Mattatore il centrocampista Fabio Giovagnoli, autore di una doppietta. «E’ una vittoria importante che ci ha dato tanta carica, sappiamo di non essere ancora in una buona posizione di classifica ma adesso siamo consci di poter fare bene. Nelle gare precedenti meritavamo di raccogliere di più soprattutto con Cervia e Marignano ma non è successo. I miei gol? Sono contento soprattutto per il fatto che hanno messo in sicurezza il risultato; sul primo ho seguito bene l’azione e ho sfruttato l’assist di Vicino per mettere dentro, mentre il secondo è nato da un contropiede nel recupero in cui, dopo aver saltato un uomo, sono riuscito a segnare con un tiro a giro dal lato destro dell’area». Per Giovagnoli questa è la seconda stagione al Verucchio, dove è tornato dopo l’esperienza al Borghi. «La era finito un ciclo e ad essere onesti non sono neanche stato trattato come mi aspettavo, così sono tornato a Verucchio, che è un po’ la mia casa. E’ stata una scelta di cuore. Il mio ruolo prediletto è quello di centrocampista centrale “stile Aquilani” ma mi adatto anche a fare l’esterno o il trequartista. Ora comunque l’importante è che sia tornato a giocare, dato che ho dovuto saltare la partita di coppa e le prime due di campionato per una fastidiosa tendinite. Il nostro obiettivo? La salvezza, personalmente non mi pongo limiti e non escludo nulla».

Alberto Grossi
Sull'autore

Giornalista sportivo dal febbraio 1999. Ho maturato diverse collaborazioni nel capo editoriale. Curo interamente la sezione di sport di Outnews.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *