Pronto per il debutto nella partita più sentita dai tifosi: il derby contro il Rimini. Mirko Barbagli, 31 anni, ex Alessandria, dopo una settimana di allenamenti con il gruppo biancorosso si mette a disposizione di Roberto Rossi per la partita di domenica. «Se l’allenatore mi ritiene pronto – spiega il difensore – lo sono anch’io. A parte il problema che ho avuto la settimana scorsa, curato con un antibiotico (ecco perchè non è stato tesserato subito, per non avere problemi con l’antidoping, ndr), da agosto mi sono sempre allenato, senza mai fermarmi. Non credo di dover lavorare tanto per raggiungere la condizione ottimale». Il gruppo. Un debutto in biancorosso, ma qualche giorno per prendere confidenza con staff tecnico e compagni. «La squadra mi sembra ottima – spiega Barbagli – Ho visto una gran voglia di lavorare da parte di un gruppo unito che vuole migliorarsi. Questo è fondamentale nel calcio di oggi». Il ruolo. Arrivato per rinforzare numericamente una difesa finora dimostratasi non invulnerabile (migliore solo di quella del Bra), Barbagli si presenta così. «In una difesa a tre o 5 posso giocare centrale di sinistra. Ho giocato anche in una difesa a quattro come terzino ad Arezzo, ma mi trovo meglio in mezzo. Diciamo che so di non essere bello da vedere dal punto di vista tecnico del gioco, quindi punto molto sulla fisicità. So che da noi più esperti ci si aspetta di trascinare anche quelli che sono più giovani, che in una squadra sono molto importanti». La scelta. Reduce da una buona stagione ad Alessandria il 31enne toscano ha scelto di cambiare aria. «Potevo rimanere là – conferma – ma insieme a mia moglie abbiamo preferito avvicinarci a casa. Ora è arrivata questa opportunità e l’abbiamo colta. Mi piace il progetto della società. Arrivo con la voglia di migliorarmi. Per chi gioca a calcio da tanto tempo, stare lontano dal campo e dallo spogliatoio è dura. Questa è la nostra seconda casa. Per questo ho tanta voglia di giocare e dare una mano per raggiungere l’obiettivo della salvezza». L’amico. A Forlì ritrova Boron, suo compagno già in Piemonte. «Abbiamo scherzato sul fatto che anche l’anno scorso lo telecomandavo al suo fianco – scherza Barbagli -. E’ un ottimo giocatore e un bravo ragazzo». Prevendita. La società biancorossa invita i tifosi, onde evitare code alle biglietterie, a premunirsi del biglietto in prevendita nei seguenti punti: alla biglietteria dello stadio “Mo rg a gn i” sabato dalle 14 alle 18 e domenica dalle 9 ad inizio partita, alla biglietteria dello stadio “Ne – ri” di Rmini sabato dalle 14,30 alle 18, alle ricevitorie “Il chiosco” di corso della Repubblica 2/bis, e “La caffetteria” di via Ravegnana 146/A, a Forlì e agenzia Apa di via Cerchia di San Giorgio 135

Alberto Grossi
Sull'autore

Giornalista sportivo dal febbraio 1999. Ho maturato diverse collaborazioni nel capo editoriale. Curo interamente la sezione di sport di Outnews.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *