Lungoma re sprangato nonostante le belle giornate. Dopo aver ripulito viale Ceccarini dai cartelloni pubblicitari selvaggi, il vice sindaco Luciano Tirincanti, è intenzionato a metter mano alla passeggiata, sulla quale si trovano i gazebo dei ristoranti. A colpi di ordinanza. «Sono indecenti – spiega – sono chiusi, impacchettati alla buona e con attrezzature abbandonate. Non va bene, il lungomare ormai è diventato come viale Ceccarini: un luogo di passeggio e incontro». L’appuntamento nel quale il problema si è manifestato appieno è stato il Campionato di triathlon che si svolto nel fine settima scorso con punto di partenza alle Terme e alla spiaggia 49. «E’ stato un evento che è andato benissimo, grazie anche al bel tempo – spiega -, sono arrivati 3mila atleti a cui si aggiungono gli accompagnatori in due giorni, di cui i due terzi hanno soggiornato in albergo. Terminate le gare sono andati sul lungomare, ma non hanno certo trovato un bel vedere. Non va bene per l’immagine della città e non è rispettoso per le persone che hanno scelto la nostra località per trascorrere il fine settimana». Le strutture “in criminate” si trovano su suolo pubblico. «La concessione che il Comune concede va salvaguardata, occorre più decoro, non si possono sprangare i gazebo come se in inverno il lungomare diventasse terra di nessuno». Per il prossimo fine settimana il meteo si annuncia ancora carico di sole. «Contatteremo gli interessati – spiega il vice sindaco – spero di non trovare le stesse condizioni. Per ovviare al problema il prossimo anno elaboreremo un’ordinanza che prolunghi l’apertura dei gazebo e che prevede il mantenimento del decoro del lungomare anche in inverno». Per Tirincanti «tra gli operatori, ci vorrebbe più rispetto del turista, è necessaria un’inversione di tendenza rispetto agli ultimi 30 anni in cui ci si è concentrati solo su operazioni immobiliari, e si torni a dare servizi per il turismo».

Marco Andreoli
Sull'autore

Ex capo redattore di una nota testata editoriale in Romagna. Mi occupo prevalentemente di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *