Non si ha ancora la certezza (l’esito degli esami tossicologici non è ancora arrivato) ma il timore è che ci si trovi di fronte ad un nuovo caso di avvelenamento. Per averne la certezza assoluta bisognerà aspettare diverse settimane. Troppo per non mettere comunque in allarme i tanti proprietari di cani che portano al Parco della Pace (qui sarebbe avvenuto il fatto) il proprio amico a quattro zampe. Fino ad ora tra i veterinari della zona è stato registrato un solo caso che presenta la tipica sintomatologia dell’avvelenamento: vomito, forte diarrea e attacchi convulsivi ma tanto basta per consigliare qualche precauzione nella passeggiata quotidiana. « C’è un fortissimo sospetto che si tratti di un caso si avvelenamento – spiega Tilda Felici, veterinaria che ha cercato di curare l’animale –. Lo fa pensare i sintomi che aveva e il rapido precipitare delle sue condizioni di salute. Però attendiamo l’esame tossicologico in corso all’istituto zooprofilattico a cui abbiamo mandato il cane che purtroppo è morto». Il parco della Pace, da tempo, è al centro di polemiche che contrappongono i cittadini che non vedono di buon occhio la presenza dei “pelo si” e i proprietari dei cani. L’idea che qualcuno voglia risolvere il problema a modo suo diventa ora un dubbio inquietante. Anche per il timore che eventuali bocconi possano venire a contatto con i bambini che giocano.

Marco Andreoli
Sull'autore

Ex capo redattore di una nota testata editoriale in Romagna. Mi occupo prevalentemente di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *