Il sindaco Davide Ranalli ha ricevuto in Rocca i ragazzi della scuola “Codazzi-Gardenghi” e la loro insegnante Rita Randi. Il primo cittadino si è complimentato con i giovani per il loro successo alle Olimpiadi nazionali di “Problem solving” e pensiero algoritmico, conclusesi a Roma. E’ il secondo anno consecutivo infatti che i ragazzi della scuola “ Codazzi-Gardenghi ” si laureano campioni d’Italia. Stessa classe, la VB, stessi maestri, ma bambini diversi: vincitori sono, in ordine alfabetico, Gabriel Barlotti, Benedetta Cicchetti, Lorenzo Gaddoni, Alberto Lolli e Sara Mariani. Le Olimpiadi sono rivolte agli alunni del primo ciclo d’istruzione. Secondo lo spirito proprio del “Problem solving”, basato sulle capacità di organizzazione, divisione dei compiti e pianificazione delle attività, i ragazzi hanno saputo fare un ottimo gioco di squadra, orchestrando le loro specifiche abilità e competenze per risolvere tutti i dieci quesiti proposti che, pur coinvolgendo in parte le discipline del normale curricolo scolastico (d all’inglese all’italiano, alla matematica), vengono formulati secondo il registro linguistico proprio della scienza informatica, di cui possono essere definiti attività propedeutica. I cinque campioncini, giunti alla finale dopo aver superato altrettante gare disputate nel corso dell’anno scolastico, fino alla fase regionale, hanno sbaragliato un’agguerritissima concorrenza rappresentata da altre diciannove squadre, una per ogni regione d’Italia, con il mirabile risultato di 97,143 punti su 100.

Marco Andreoli
Sull'autore

Ex capo redattore di una nota testata editoriale in Romagna. Mi occupo prevalentemente di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *